Afterall | Trentamillesimidisecondo. Finissage di un'installazione in-visibile

Gli Afterall raccontano la performance site-specific ambientata nella Farmacia storica: il suo sviluppo come installazione e l'idea di renderla accessibile in live streaming. 

Conduce: Lorenzo Respi

Enzo e Silvia Esposito raccontano Trentamillesimidisecondo. L’intuizione di creare un'azione artistica che rende tangibile la discrepanza tra presente e passato sia a livello performativo che installativo. La performance si configura come una trascrizione su carta carbone della calligrafia seicentesca che narra La Cronaca di Modena per voce di Giovan Battista Spaccini. L'azione degli Afterall si è tenuta a porte chiuse, nell'intimità della Farmacia Storica, parte del complesso Sant'Agostino. 
L’intera performance, chiusa al pubblico e pertanto ‘in-visibile’, è stata documentata attraverso una rilevazione separata di video e audio. Il dato video così registrato è stato proiettato, così come il suono è stato riprodotto, nello stesso luogo, ma la scena è ‘altra’: solitaria, animata solo da oggetti, due megafoni, qualche foglio trascritto e una pianta da interni su cui un riflesso di luce insiste con i bagliori di un vecchio video d’archivio sul tropismo vegetale. L’installazione generata, non vivibile in presenza, è videoripresa nuovamente, stratificando ulteriormente i depositi del tempo su doppi schermi, e restituita live on line. Resta soltanto il souvenir: l’oggetto-ricordo.

  • In collaborazione conFMAV Fondazione Modena Arti Visive

 

AFTERALL è il nome del duo artistico composto dai fratelli Esposito, Silvia e Enzo. Dopo un trascorso di studi rispettivamente in Conservazione dei Beni Culturali e Sociologia, entrambi si diplomano in Belle Arti facendo, nell’ambito del laboratorio «quartapittura», attività di ricerca sulle potenzialità comunicative dei fenomeni collettivi. Le opere degli Afterall fanno parte di diverse collezioni museali permanenti: del Museo MADRE di Napoli, del Palazzo Arnone di Cosenza, del MUSMA di Matera, oltre che private (Imago Mundi-L. Benetton Collection); altre sono state installate al Castello di Rivalta di Torino, allo Spazioborgogno di Milano, sulla facciata della stazione di Mergellina a Napoli. Nel 2016 si susseguono due personali: “just one damn thing after the other” nello spazio di duecento metri quadri dell’Ex Lanificio Borbonico a Napoli e “Lacuna”, alla Tenuta dello Scompiglio di Lucca. Gli Afterall sono vincitori del Premio Celeste 2012 (Premio del Curatore), vincitori del bando SOMA Summer 2014, residenza internazionale per artisti visivi in Città del Messico (Messico), finalisti del Talent Prize 2016, Premio Optima 2016, Blumm Prize 2013 e Premio Fondazione Fabbri 2012.Luoghi