“Fòla, fulèta, filò”: domenica prossima, ad AGO, si ricamano fiabe

Domenica 27 gennaio, alle 16, appuntamento per grandi e piccini con il ‘contastorie’ Marco Bertarini. 

L’evento, a ingresso gratuito, su prenotazione, sarà replicato domenica 10 febbraio alla stessa ora 

 

Marco Bertarini si definisce ‘un contastorie che racconta’ e che, nelle sue storie, ‘lascia l’impronta’:domenica 27 gennaio, alle ore 16, sarà ospite di AGO Modena Fabbriche Culturali, per dare vita ad una narrazione ispirata proprio al nome di questo luogo, recentemente riaperto e restituito alla cittadinanza. L’evento è ad ingresso libero, su prenotazione, ed è organizzato da Musei Civici e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, in collaborazione con Istituto Musicale Vecchi-Tonelli e Associazione ‘Dal Filo in Poi’.

 

AGO non è soltanto il diminutivo di Agostino, nome del grande santo che ha attraversato l’inquietudine del cuore umano e che ha dato nome al luogo familiare ai modenesi che qui hanno trovato cura, nascita, assistenza. AGO richiama anche, in modo figurato, quel che cuce il passato con il presente e con il futuro. L’ago ed il filo, poi, sono elementi che ricorrono spesso nei miti e nelle fiabe: dalla fiaba dei fratelli Grimm “Rumpelstiltskin”, da noi conosciuta come “Tremotino”, al mito di Teseo e Arianna, da “Il fuso, la spola e l’ago”, anch’essa dei Grimm, a “L’ago da rammendo” di Andersen. Ed è proprio da questi racconti che partirà Marco Bertarini per costruire la sua narrazione e coinvolgere il pubblico. Nel corso dell’incontro, tra una fiaba e l’altra, i partecipanti saranno condotti a suon di musica dall’ex ospedale Sant’Agostino al Palazzo dei Musei: qui, all’interno dei Musei Civici, alcune esperte ricamatrici mostreranno loro i segreti di un’arte antichissima e paziente.

 

L’evento si rivolge a bambini di 4-10 anni, per un massimo di 40 posti. Anche i genitori possono partecipare. Sarà replicato, nella stessa forma e con gli stessi contenuti, domenica 10 febbraio, sempre alle 16. Per partecipare occorre prenotare online compilando il form predisposto sulla paginawww.fondazione-crmo.it/edutainment/

 

Si segnala che l’attività prevede lo spostamento dall’ex Ospedale Sant’Agostino (punto di partenza) ai Musei Civici, presso il Palazzo dei Musei (punto di arrivo). Qualora i bambini non siano accompagnati da un adulto, il personale della Fondazione si preoccuperà del trasferimento.

 

Per ulteriori informazioni: www.fondazione-crmo.it/edutainment/www.agomodena.it

 

 

ufficiostampa@fondazione-crmo.it; telefono diretto 059 6139 603-604; www.fondazione-crmo.it